Professional Arts Traning South Tyrol

Storia del progetto

foto 06

Nell'autunno del 2010 l'Area Formazione Professionale Tedesca ha colto l'opportunità offerta dal bando Fondo Sociale Europeo - Azione di Sistema – per presentare un progetto sull'asse Asse  IV capitale umano dal titolo "Centro di eccellenza per le arti e professioni creative".

Il progetto coinvolge l'Area Formazione Professionale Italiana e quattro enti di formazione, pubblici e privati, che hanno costruito in modo autonomo nel corso degli anni momenti di collaborazione e scambio reciproci, dimostrando una chiara intenzione, nel realizzare progetti condivisi.

In tal senso si è colta l’opportunità, per sviluppare il progetto di un possibile modello di struttura formativa per l'Alta Formazione, in grado di rispondere ai fabbisogni espressi dai singoli partners ed emersi anche dal recepimento, da parte della provincia autonoma di Bolzano, del DPCM del 25 gennaio 2008 riguardante i percorsi di formazione di secondo livello.

Il Gruppo di lavoro, coordinato dal capo progetto Dr. Walter Gufler (Area Formazione Professionale Tedesca), è stato costituito nella primavera del 2011, ed è composto da:

  • Dott.ssa Virginia Tanzer (Scuola provinciale professionale di Silandro)
  • Dott.ssa Elisabeth Baur (Liceo Artistico di Ortisei e scuola professionale provinciale per l'artigianato artistico)
  • Dott.ssa Heidi Gronauer e Lorenzo Paccagnella (Scuola di film documentario e nuovi media Zelig)
  • Cuccato Alessandro e Arch. Diego Pizzol (Vetroricerca Glas&modern centro sperimentale Europeo per le tecniche di lavorazione del vetro)
  • Dr. Edoardo Treccani (consulente, Argonaut - Bolzano) e Sig. Hans Tappeiner (consulente, Hata-Lasa, nella fase 1)

L'Area Formazione Professionale Tedesca funzionando come una sorta di potente catalizzatore, ha innescato la discussione e il confronto tra questi enti di formazione dando avvio al progetto.

L'attività del gruppo di lavoro si è conclusa nel giugno del 2012 e ha prodotto i risultati presentati in questo sito.

 

 

Il progetto